Salute e Connected Health in Italia

Salute e Connected Health in Italia

Connected Health e le Assicurazioni Salute

In Italia, è la salute una delle preoccupazioni principali. Tra queste spiccano:

  • La paura di una malattia grave (41%),
  • La diffusione di pandemie (36%)
  • Soffrire di salute precaria (28%)
  • Le preoccupazioni legate a terrorismo (47%)
  • La precarietà sul lavoro (43%).

È quanto emerge dal Consumer Attitudes Survey, indagine internazionale realizzata dal gruppo assicurativo Aviva, sulla percezione della propria salute in 14 paesi del mondo.

Ansia: la piaga del millennio.

Se il desiderio di sentirsi meno ansiosi o stressati, rappresenta in assoluto l’ambizione di salute degli italiani, dovuta al desiderio di dormire meglio o di migliorare la propria forma, il 40% degli intervistati afferma che la principale causa di stress è legata al lavoro. Una situazione che si riflette anche nelle fasce d’età più giovani.

Nonostante in Italia la popolazione adulta utilizzi il web o le app come strumenti di pagamento o di gestione in misura minore rispetto agli altri paesi analizzati (-8%), quando si tratta di informarsi su sintomi o diagnosi mediche, gli italiani sono tra i più assidui nella ricerca di informazioni online (41%; +9%).

Le Assicurazioni salute

La salute risulta quindi essere tra le principali preoccupazioni degli italiani.

Tuttavia solo 1 intervistato su 10 afferma di possedere un prodotto assicurativo dedicato. I valori risultano invece più alti in altri Paesi europei come ad es. la Francia in cui la percentuale sale al 34%.

Le polizze assicurative giocano un ruolo importante per garantire tranquillità e sicurezza.

Nell’ambito dell’analisi sui trend dell’offerta assicurativa l’IVASS ha svolto un approfondimento sull’offerta delle polizze salute legate all’utilizzo di tecnologie digitali (c.d. digital health insurance).

Cresce la diffusione, di polizze che, attraverso l’uso di device digitali (quali braccialetti elettronici e altri wearables) e strumenti di diagnostica genetica, ricavano informazioni più precise sullo stato di salute dei clienti, al fine di agevolare la relazione tra servizi assicurativi e prestazioni di tipo sanitario incentivando stili di vita più sani attraverso una scontistica che premia comportamenti “healthy”.

Con lo sviluppo della telematica, si presentano per le compagnie assicurative nuove opportunità volte a migliorare le interazioni con i clienti specie in un settore come quello della salute, sfruttando la crescente proliferazione di device che aiutano le persone a capire meglio i segnali del corpo e che si sincronizzano automaticamente con smartphone o tablet.

La Connected Health

I benefici conseguibili sulla value chain assicurativa attraverso i dispositivi connessi alla salute, sono identificabili facendo un parallelo con quanto avvenuto nell’assicurazione auto.

Le Assicurazioni salute: La creazione di value proposition incentrate sull’utilizzo di wearable rende il prodotto attrattivo per individui attenti a queste tematiche (più giovani e sani rispetto alla clientela tipica dei prodotti salute) generando un effetto di auto selezione paragonabile a quello che ha caratterizzato l’avvio delle esperienze motor telematics.